NSO in breve: definizioni

 

Al fine del processo di eOrder, per Documento si intende un file contenente i dati di business necessari per l’effettuazione della prestazione (ad esempio, le descrizioni dei prodotti, le quantità, i prezzi, i tempi e le modalità di esecuzione, eccetera)

Ciascun Documento è incluso in un Messaggio, che contiene anche la Busta di trasmissione, in cui sono indicati il Mittente e il Destinatario del Documento.

Le amministrazioni pubbliche, i fornitori di beni e servizi e i loro intermediari costituiscono gli Attori del processo.

Gli Attori interagiscono con NSO avvalendosi di determinate Modalità di comunicazione, che utilizzano, per l’invio e la ricezione dei Messaggi, Canali di trasmissione predefiniti.

NSO riceve i Messaggi, controlla che siano correttamente formati. Se tale verifica va a buon fine, li inoltra ai rispettivi Destinatari e, con apposite Notifiche di sistema, informa i Mittenti sull’esito della verifica e del recapito.

 

NSO: la partenza

 

I primi utenti di NSO saranno gli Enti del Servizio Sanitario Nazionale, i soggetti (anche privati) che ordinano per conto degli enti, i fornitori e gli intermediari.

L’obbligo di emissione dell’ordine elettronico è stato prorogato:  
         per l’acquisto di beni l’obbligo decorrerà dal 01/02/2020.
         per l’acquisto di servizi l’obbligo decorrerà dal 01/01/2021.

Tale proroga è stata decisa durante l’incontro tenutosi presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) mercoledì 25 settembre con i rappresentanti delle Regioni e delle associazioni di categoria.

Sulla pagina NSO del sito della Ragioneria Generale dello Stato è stato comunicato che “è in corso di aggiornamento la data di decorrenza prevista dall’articolo 3 del Decreto Ministeriale 7 dicembre 2018”.

La proroga dovrà essere ufficializzata da apposito Decreto, in fase di pubblicazione.