FATTURAZIONE ELETTRONICA B2B O TRA PRIVATI

La Fatturazione Elettronica in Italia - Una svolta storica 

Siamo arrivati ad una svolta storica per quanto riguarda la dematerializzazione dei documenti. Dopo che le Pubbliche Amministrazioni hanno fatto da apripista per questa opportunità, ora il vero passaggio significativo si ha con l’ampliamento della fatturazione elettronica anche nella gestione tra privati. Dal 1 gennaio 2017 è in vigore il nuovo tracciato proposto da SdI che pernette a qualunque soggetto IVA di emettere una fattura elettronica verso qualunque altro soggetto IVA e quindi a quest'ultimo di riceverla..

Dal 1° Luglio 2018 avrà luogo l'introduzione del terzo ciclo di obbligatorietà che vede l'emissione obbligatoria di una fattura elettronica da parte dei fornitori di prodotti petroliferi per autotrazione e da parte di sub-fornitori in appalti della Pubblica Amministrazione Italiana.

Allo stato attuale il 1° Gennaio 2019 sembra essere la data in cui scatterà l'obbligo integrale di inviare solo ed esclusivamente Fatture Elettroniche tra soggetti IVA Italiani.

 



La Fatturazione Elettronica tra Privati: un'opportunità o un ulteriore adempimento? 

Già dal 1 Gennaio 2017 è possibile inviare e ricevere fatture in formato elettronico a condizione che si abbia una partita IVA italiana.

I soggetti IVA che hanno esercitato l'opzione resa disponibile dall'Agenzia delle Entrate e contestualmente hanno inviato solo fatture elettroniche a tutti i propri clienti hanno raggiunto una serie di risultati, oltre ad aver fatto una esperienza che molto utile risulterà nel breve periodo. L'esercizio ha una validità di 5 anni a partire dall'anno fiscale in cui viene esercitata. 

Il diagramma di seguito mostra l'evoluzione del processo di invio e ricezione delle fatture; i benefici si possono infatti raccogliere solo sulle fatture inviate attraverso il Sistema i Interscambio (SDI), non sulle fatture estere né su quelle ricevute da fornitori che non avranno ancora esercitato l'opzione.

 


 

Invio della fattura tramite SDI: Cosa cambia? 

Ad oggi eravamo abituati a pensare all’utilizzo dell’xmlpa di Sogei solo per la gestione delle fatture verso le PA. La versione 1.2 del tracciato consente la gestione delle fatture elettroniche anche verso i privati. Rimane invariato il meccanismo già attivo per le pubbliche amministrazioni, con l’utilizzo del codice univoco ufficio di sei caratteri a cui instradare correttamente il file alla PA destinataria.

Per gestire l'indirizzamento dei documenti da privato a privato, vengono introdotte due soluzioni: la prima per clienti che hanno esercitato l'opzione ed una seconda per coloro che non lo hanno ancora fatto:

  • Utilizzo di un codice destinatario di sette caratteri che identifica il ricevente del documento, che potrà essere l’effettivo destinatario della fattura o un intermediario che gestisce il documento per conto suo;

  • Utilizzo di un indirizzo PEC (posta elettronica certificata) a cui inviare la fattura nel tracciato xml. In questo caso il codice destinatario deve essere valorizzato con il codice "0000000".

Per i clienti privati non dotati di PEC propria, si potrà inserire come indirizzo PEC un indirizzo email qualunque, oppure la PEC del mittente assicurandosi di mandare anche una copia in PDF della stessa a quel cliente (Digithera nel suo servizio lo fa in automatico).  

 

I vantaggi della fatturazione elettronica B2B 


Risparmio significativo di tempo, spazio e carta  e la riduzione conseguente dei costi di gestione: è soltanto uno  dei vantaggi che fatturazione elettronica  B2B e gestione dematerailizzata della documentazione  possono garantire alle imprese.

 

I Servizi di Digitalizzazione Digithera permettono di automatizzare l’intera gestione del ciclo attivo e ciclo passivodelle fatture, garantendo un immediato ritorno dell'investimento e permettendo di rendere i processi contabili più efficienti, trasparenti e sicuri, facilitando la mutua integrazione con  i processi aziendali.

  

In sintesi i benefici che si raccoglieranno esercitando l'opzione entro il 31/3/2017 per i prossimi 5 anni sono i seguenti: 

 

 

EconomiciFiscali*Operativi/
funzionali
  • Riduzione nell’acquisto di materiali quali carta, buste e bolli
  • Riduzione dei costi di stampa e spedizione
  • Eliminazione dei costi per gli spazi di archiviazione
  • Riduzione del tempo destinato all’archiviazione e per le successive ricerche dei documenti
  • Riduzione delle attività manuali
  • Riduzione dei costi derivanti dagli errori di compilazione/data entry
  • Abolizione delle seguenti comunicazioni IVA:
    • lo spesometro
    • le comunicazioni opzioni Black  List;
    • gli Intrastat acquisti e Intrastat servizi ricevuti
    • gli acquisti effettuati da operatori di San Marino
    • le comunicazioni dei contratti leasing
  • Rimborsi IVA più rapidi (**)
  • Riduzione di 2 anni dei termini di accertamento, a condizione che sia garantita la tracciabilità dei pagamenti effettuati e ricevuti (**)
  • Acquisizione automatica dei dati dall’Agenzia delle Entrate (**)
  • Riduzione dei tempi di esecuzione
  • L’ accesso on-line alle fatture attive e passive/ più semplice e rapida fruizione dei documenti
  • Elimina ritardi e disguidi derivanti dall’invio di fatture cartacee
  • Riduzione degli errori di fatturazione
  • Unificare comunicazioni commerciali e fiscali

* Il decreto, a partire dal 1° Gennaio 2017 prevede incentivi fiscali per tutti i soggetti che decidono di avvalersi della trasmissione telematica delle fatture o dei relativi dati e dei corrispettivi.
Sempre a partire dal primo Gennaio, il contribuente potrà scegliere se esercitare o meno l’opzione per la trasmissione dei dati all’Agenzia delle Entrate, utilizzando SDI. Entro il 31 Dicembre 2016 si dovrà comunicare all’AdE se si decide di inviare via telematica i dati e a partire dal 1° Gennaio si potrà esercitare l’opzione che rimarrà in vigore per i 5 anni successivi. Sono previsti vantaggi fiscali differenti a seconda che il contribuente decida di esercitare o meno questa opzione.
**incentivi previsti solo per i contribuenti che esercitano l’opzione

 

Cogli l'attimo, noi siamo già pronti ad accompagnarti in ogni passo del percorso. Inizia ad inviare tutte le tue fatture tramite SDI.

La nostra piattaforma è già in grado di gestire invio e ricezione di fatture elettroniche verso tutti i tuoi Clienti, siano essi Pubblici o Privati attraverso il Sistema di Interscambio (SDI). Grazie alla nostra tecnologia siamo in grado di convertire le vostre fatture nel formato in cui le generate (anche in PDF) nel nuovo tracciato definito dalle regole tecniche della Legge 127, oltre che permetterti di compilarle direttamente sul nostro portale in modo completamente guidato o processare file fattura già pronti. Verrà gestito tutto l’iter di invio e dell’acquisizione delle notifiche di esito, oltre poi l’invio in conservazione dei documenti inviati.

 

Come possono reagire i miei clienti che riceveranno fatture in formato XMLPA?

  • Clienti che hanno deciso di ricevere fatture elettroniche dal Sistema di Interscambio. In questo caso ti avranno fornito il proprio Codice Univoco che dovrà essere inserito in fattura. Riceveranno direttamente (o indirettamente tramite un intermediario come Digithera) la fattura e potranno accettarla o rifiutarla. Probabilmente si stanno preparando per emettere anche ordini in formato elettronico, in previsione di una futura predisposizione per la riconciliazione Ordine-Fattura-Pagamento.

  • Clienti non vogliono ancora ricevere fatture elettroniche. Questi clienti saranno costretti a ricevere le fatture elettroniche via PEC direttamente dal Sistema di Interscambio. Dovranno comunicarti un indirizzo PEC che tu dovrai inserire in fattura e al quale SDI invierà una mail con allegata la tua Fattura in formato XMLPA (firmato digitalmente). Il cliente avrà quindi due possibilità a questo punto per prendere visione della tua fattura:

    • Usare la funzionalità offerta dal sito www.fatturapa.gov.it per convertire la fattura tramite il foglio di stile

    • Ricevere la stessa fattura in formato PDF da Digithera come parte del servizio offerto a te. Pensiamo noi a convertire la tua fattura ed inviarla al tuo cliente, senza ulteriori aggravi per lui.

 

E se un mio fornitore chiede se può inviarmi una fattura elettronica via SDI?

Nessun problema! La nostra piattaforma permette anche di ricevere le fatture che i tuoi fornitori avranno inviato tramite SDI. Ti basta fornire ai tuoi fornitori il seguente Codice Destinatario: DXEBYTP che diventerà il tuo indirizzo di fatturazione elettronica, chiedendo loro di inserirlo in anagrafica per indirizzare quel documento direttamente a te.

Potrai ricevere le fatture come meglio preferisci, potrai aprirle direttamente all'interno della piattaforma Digithera e avrai la possibilità di accettarle o rifiutarle nei 15 giorni concessi da SDI per la notifica, oppure far scadere i termini di notifica. Potrai ricevere le tue fatture in formato nativo XMLPA oppure possiamo convertirle per te sia in PDF che  nel formato supportato dal tuo sistema gestionale.

 

 

Vuoi trasmettere i dati all’Agenzia delle Entrate senza aver esercitato l'opzione? Fallo pure e... addio spesometro!

Le fatture che transitano da SDI, dopo l’attivazione dell’opzione, sono automaticamente recepite dall’Agenzia delle Entrate. Per chi non volesse aderire all’invio delle fatture attraverso il Sistema di Interscambio, ma volesse solamente inviare i dati all’Agenzia delle Entrate, stiamo predisponendo la piattaforma in modo che possa estrarre i riferimenti delle fatture attive e passive dai registri IVA vendite e IVA acquisti, incrociandoli con l’elenco delle anagrafiche che ci invierete. 

Naturalmente dal 1/1/2019 lo spesometro divebnterà solo un ricordo in quanto verrà acquisito in automatico attraverso la ricezione di tutte le fatture attive che dovranno obbligatoriamente transitare da SDI.

 

E adesso, se vuoi anche tu cominciare ad inviare o a ricevere, se lo fai già, è facilissimo!

Digithera ha già dimostrato come si può inviare fatture elettroniche a partire da qualunque formato in modo semplice ed economico. Basta andare sul configuratore, acquistare un lotto di fatture ed iniziare subito a fruire del servizio!

 

Per quanto riguarda invece la ricezione, approfondisci come fare in questa sezione dedicata.