Introduzione: il progetto NSO nell’architettura generale

 

Il Nodo Smistamento Ordini (NSO) è una sorta di postino intelligente che gestisce lo scambio, tra clienti e fornitori, degli ordini di acquisto (e gli altri documenti eventualmente occorrenti). Oltre a provvedere al loro recapito, NSO verifica che i documenti trasmessi siano stati correttamente formati e contengano tutte le informazioni necessarie al loro successivo utilizzo per le fasi di fatturazione e pagamento. 

 

Il percorso di introduzione di NSO

Nel corso degli ultimi anni il legislatore ha deciso di estendere l’adozione di tecnologie digitali alle diverse fasi delle relazioni tra PA e fornitori, definendo un disegno complessivo per l’integrazione delle diverse infrastrutture e banche dati digitali pubbliche: il sistema Acquisti Pubblici in Rete.

Schema Generale dell'interfaccia NSO

Il sistema Acquisti Pubblici in Rete è formato da più componenti indipendenti, realizzati e gestiti da soggetti istituzionali distinti, fra loro interoperabili grazie all’utilizzo di interfacce e formati comuni.

 

L’architettura è costituita un sistema centrale, costituito dalla Piattaforma dei Crediti Commerciali (PCC), che acquisisce le informazioni contenute nelle transazioni, tre nodi di smistamento (SDI per le fatture elettroniche, SIOPE+ per i mandati di pagamento ed NSO), che hanno la funzione di gestire e tracciare gli scambi dei documenti in formato elettronico tra gli attori del processo, anche per il tramite di intermediari e alcune banche dati come la Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici (BDNCP) e il Sistema informativo sulle operazioni degli enti pubblici (SIOPE).

 

Alcuni dei sistemi coinvolti sono già pienamente fruibili, altri sono al momento disponibili solo per determinati settori della pubblica amministrazione (SIOPE+) oppure in via di implementazione definitiva (NSO).